I problemi del PCista: Sistema Operativo obbligatorio?

Con questo nuovo articolo si apre una nuova rubrica qui, su AuxtinTech. I problemi del PCista è una raccolta di domande frequenti nel mondo dell’hardware e dell’informatica in generale a cui, ogni Sabato, alle 13, si da una risposta completa. Le domande possono variare dal software all’hardware, l’importante è che… siate soddisfatti 😀

i-problemi-del-pcista-licenza-windows-inclusa

L’e-mail di Donato

La prima domanda che ho ricevuto, è quella di “Donato”, che chiede:

“Perché devo comprare un PC con licenza Windows inclusa, pagando di più per esso?”

Ti rispondo subito: non è obbligatorio acquistare un PC con licenza Windows inclusa. Tutto dipende dalle tue esigenze. Ti spiego il motivo.

Il problema nasce da…

Le scelte dei produttori

Quando si acquista un computer pre-assemblato, si deve tener conto che le scelte dei produttori sono una conseguenza della tipologia di offerta che riesce a rispondere alla maggior parte delle domande degli acquirenti. Molti potenziali clienti vogliono spendere poco (anche se non è quasi mai una scelta saggia, qui spiego il perché), non vogliono seccature e appena accendono il portatile o fisso che sia, vogliono che sia già pronto all’utilizzo (user-friendly). Ovviamente, ci sono anche persone come te che vorrebbero avere la possibilità di scegliere quale sistema operativo installarvi su quella macchina. Magari, sei un programmatore ed hai bisogno di un sistema operativo basato su Linux.

Esigenze particolari

Come dicevo nel paragrafo precedente, magari tu hai esigenze particolari. Vorresti un sistema operativo differente da Windows, come Ubuntu o Linux Mint, per poterci programmare, o anche risparmiare qualcosina su cose che per te sono superflue (Linux è gratuito, lo sappiamo tutti, mentre Windows costa un botto).

Soluzione

Un sistema operativo più “sicuro”

Si sà, Windows è un sistema aperto, ed in quanto tale ha numerose vulnerabilità che potrebbero compromettere la sicurezza e i dati di chi lo usa. Quindi ci sono delle alternative a questo senso, scegliendo magari un sistema operativo “chiuso” e quindi paradossalmente più sicuro: parlo ovviamente di OS X Lion e, quindi, dei prodotti Apple.

Attenzione: Non sto dicendo che il sistema operativo di Cupertino sia davvero sicuro, ma essendo un sistema chiuso, quindi con pochissimi software che possono permettersi la compatibilità reale con quest’ultimo, ha molte meno probabilità di essere bucato da malintenzionati. Quindi, per chi voglia un sistema diverso da Windows, potrebbe scegliere un prodotto Apple.

FreeDos

Questa, credo, sia la soluzione ai tuoi problemi. Alcuni produttori, tra cui Fujitsu, Lenovo e ASUS immettono sul mercato dei portatili “freedos”, ovvero con nessun sistema operativo pre-installato. Quindi: Ti compri il portatile e ci installi quello che vuoi: Linux e derivati. Un modello di portatile che ha un ottimo rapporto qualità/prezzo è l’Asus X540LA-XX002D. Il problema degli altri due produttori è che:

  1. Fujitsu ha un problema relativo alla connettività, ovvero al Wi-fi che ha problemi con Linux, pur essendo compatibile con quest’ultimo.
  2. Lenovo ha un problema con l’autonomia e non si capisce bene il motivo.

Conclusione

La risposta alla domanda di oggi è conclusa. Se hai ulteriori dubbi o domande, puoi scrivermi all’indirizzo e-mail pcista@auxtintech.it e sarò ben lieto di rispondere!

Per rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter!

Cliccando su "Iscriviti", accetterai la nostra informativa sulla privacy

Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...
Agostino Costantino

About Agostino Costantino

Appassionato di informatica, mi diletto a scrivere articoli utili per i miei lettori.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi